Google e Palestra dell’Innovazione insieme per un progetto al Quadraro

FullSizeRender-5

Un gran bel clima oggi alla Palestra dell’Innovazione con decine di ragazzi e bambini entusiasti di conoscere e usare nuove tecnologie. L’occasione è stata la visita di Jacquelline Fuller, direttore di Google.org, il braccio ‘filantropico’ di Google che ha sostenuto questo progetto di istruzione informatica promosso dalla Fondazione Mondo Digitale al Quadraro, nella periferia di Roma. I risultati del lavoro condotto in questi primi 6 mesi sono eloquenti: 11.796 giovani hanno partecipato alle attività dell’officina, di cui 2841 disoccupati. Un’impatto importante sul territorio dunque, e penso sia importante che Google abbia scelto proprio Roma per investire nell’istruzione informatica. Il Lazio ha grandi possibilità nell’economia digitale. Sono qui ricerca, impresa informatica, talenti creativi; c’è qui una grande Maker Faire che aprirà la settimana prossima. Molto importante, quindi, che nasca proprio qui questo movimento culturale digitale. Le istituzioni devono sostenere questo processo, come fanno i Paesi più lungimiranti: sono le basi del nostro futuro. Bisogna accelerare sull’insegnamento del coding nelle scuole; sostenere la creazione di FabLab per introdurre l’artigianato digitale nelle scuole e nei quartieri; potenziare l’utilizzo delle nuove tecnologie nei servizi pubblici; aiutare le start-up. C’è un capitale umano pronto a cogliere le opportunità. Ci sono risorse europee che permetteranno al Lazio di partecipare a questo processo. C’è, infine, un clima politico finalmente attento ai temi della creatività e dell’innovazione.

 

//platform.twitter.com/widgets.js

//platform.twitter.com/widgets.js

//platform.twitter.com/widgets.js

//platform.twitter.com/widgets.js

Add a Comment