trevi nel Lazio

La Corte dei Conti segnala che solo il 30% dei comuni con meno di 5000 abitanti ha aderito alla gestione associata delle funzioni fondamentali. E’ una notizia che impone di accelerare su questo punto, così essenziale per ottenere risparmi, migliorare qualità ed efficacia della  gestione dei servizi, abituare le amministrazioni a collaborare.

“Le Regioni hanno un ruolo fondamentale per spingere questa collaborazione calibrando, come ha precisato la Corte, “forme di sostegno e di incentivazione dell’associazionismo che tengano conto delle diverse specificità territoriali”. Il Consiglio regionale del Lazio ha questo tema nella sua agenda: è uno di quelli da affrontare a breve. E penso che, anche per il richiamo della Corte, sarebbe un bel segnale trovare un punto di convergenza tra le diverse forze politiche per definire una legislazione all’avanguardia. Con la consapevolezza che si tratta di una questione che stanno affrontando molti ordinamenti a livello internazionale. Proprio due giorni fa nel dibattito tra i candidati alla carica di Primo ministro in Spagna se n’è discusso. Ed anche in quel caso si vuole spingere nella direzione di una maggiore cooperazione tra i comuni. Come accade nelle realtà europee più avanzate su questo piano