Più libri più liberi occasione per sostenere editoria del Lazio

Screenshot 2015-12-04 11.50.26

Siamo una Regione dell’editoria. Dobbiamo esserne
convinti. Nel Lazio è presente il 17% delle case editrici, sono
qui alcune tra le più dinamiche realtà di medie/piccole dimensioni. Il
tutto a comporre un settore vivace e innovativo e, spesso, di grande
successo: come è il caso del libri Elena Ferrante pubblicati da E/O o di
Marcello Simoni tradotto in diciotto Paesi con “Il mercante di libri
maledetti” pubblicato da Newton Compton, Milena Angus pubblicata da Nottetempo e tradotta in 25 Paesi.
E’ questo il quadro in cui si avvia, domani, la quattordicesima edizione
della fiera Più Libri Più Liberi. La Regione Lazio partecipa presentando le iniziative per far conoscere i nostri scrittori, promuovere la lettura, per aiutare l’industria del libro.E non solo perché l’editoria è uno dei settori di punta delle industrie creative e LazioCreativo uno dei programmi caratterizzanti l’azione della Giunta.

Dai dati degli ultimi anni vediamo calare in Italia il numero di titoli pubblicati in modo tradizionale, ma anche crescere i nuovi formati (+66% nel primo trimestre 2015 rispetto al primo trimestre 2014, dice Nielsen) e sappiamo anche che sono i piccoli/medi editori ad aver scommesso in modo particolare sull’innovazione perché possono permettersi di sperimentare e di attrarre un pubblico più selezionato.

Il settore è dunque in evoluzione e un evento dedicato al libro e alla lettura, nel Lazio, racconta queste trasformazioni guardando ad un mercato con grandi potenzialità: dove si legge più della media nazionale (45% ha legge almeno un libro ogni anno, contro il 41% della media italiana) e si può lavorare con obiettivi internazionali. Proprio in quest’ottica ho proposto in Consiglio Regionale un Fondo per tradurre in altre lingue libri di “interesse regionale”: che riguardano il Lazio o sono scritti da scrittori di questo territorio. Sono convinto sia un bel modo per far conoscere il Lazio nel mondo e nei prossimi mesi lavorerò per realizzarlo. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...