Le città più dinamiche del pianeta sono quelle che puntano sulla cultura e sulla creatività per crescere e integrare la cittadinanza. E’ questo il modello cui dobbiamo guardare. E il Concorso aperto alle scuole e ai gruppi musicali studenteschi del Lazio ’Un brano contro le mafie’ va esattamente in questa direzione. Il concorso promosso dall’Osservatorio per la Sicurezza e la Legalità della Regione – che vedrà i giovani delle nostre scuole competere nella produzione di brani musicali sul tema delle mafie – contribuirà, infatti, a rafforzare la coscienza civile delle giovani generazioni e a far capire quanto con la cultura si può fare per costruire una società più giusta. Mi sembra un bell’esempio di quello che un’amministrazione può fare per costruire una società più colta e creativa, più attenta ai valori della legalità, più aperta al cambiamento.