Sono contento dell’adesione dei colleghi Gian Carlo Righini e Pietro Sbardella alla proposta sulla valutazione delle leggi che ho presentato in Consiglio regionale. Sono firme che si aggiungono a quelle di Cristiana Avenali, Devid Porrello, Daniele Mitolo, Daniela Bianchi, Cristian Carrara, Valentina Corrado e Gianluca Perilli e che testimoniano oramai di un supporto politico ampio ad una proposta che ha un obiettivo molto chiaro e urgente: modernizzare il sistema istituzionale della nostra Regione. Oramai valutare le leggi – i loro concreti effetti, il loro funzionamento – è un aspetto essenziale dell’agire pubblico. Serve al legislatore per capire le ricadute concrete della sua attività, all’amministrazione per capire gli errori e le disfunzioni e porvi rimedio, ai cittadini per meglio conoscere l’azione pubblica. Efficienza e trasparenza passano, insomma, da qui. Diventa importante, quindi, accelerare sull’esame e l’approvazione di questa legge: approvarla ci metterebbe al passo con le migliori esperienze italiane ed europee e darebbe ai cittadini il senso di una politica che risponde in maniera trasparente dei suoi atti. Sarebbe un bel segno.