Dalla rete di città creative per il cinema idee per una Regione e una Città creative


La rete delle città creative promossa dall’Unesco ci porta a contatto con esperienze da tutto il mondo. Esperienze grandi come Sidney o piccole come Bitola, in Macedonia, ma in tutti i casi di grande qualità. Il confronto tra modelli amministrativi è uno dei grandi motori delle politiche urbane e regionali di questo tempo: fornisce, molto semplicemente, esempi concreti di cosa la politica può fare di utile in questo settore. Non da alibi. Quella alla rete Unesco è quindi una partecipazione utilissima e arriva al momento giusto.

Come Regione stiamo facendo moltissimo per il cinema: dal rilancio della Film Commission al finanziamento delle coproduzioni internazionali, passando per gli aiuti alle startup dell’audiovisivo e alle piccole case di produzione, al sostegno a festival e rassegne cinematografiche, alla modernizzazione dei cinema. Tutti pezzi di una politica per un settore sempre più forte e per una maggiore presenza del Lazio a livello mondiale. Ecco, la partecipazione di Roma a questa rete, quale città creativa Unesco per il cinema, va precisamente in questa direzione.

Ho partecipato oggi al panel Le politiche pubbliche per la città creative della  Conferenza Internazionale Cine – Creative Communities,che si è tenuta oggi a Palazzo Massimo a Roma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...