Se il futuro è delle città, in una solida base di capitale umano e un’economia fondata su creatività e ricerca, la notizia che Sky ha deciso di trasferire 300 dipendenti a Milano entro la fine del 2017 è pessima. Una brutta notizia per la città di Roma, per i suoi lavoratori e per la sua economia e la sua immagine.

In pochi anni Sky è diventato uno dei protagonisti di quell’economia della creatività cruciale per la nostra competitività e questa scelta deve far aprire subito un dialogo con l’impresa con l’obiettivo di perseguire tutte le strade per far cambiare idea e per vigilare che i  lavoratori in uscita siano ricollocati e sostenuti economicamente.

D’altra parte le parole del Sindaco Sala in cui si chiede alla Rai di fare qualcosa di più per portare parte dell’informazione a Milano ci dicono che è un tornante grave per la nostra città. Un tornante che parla del futuro che ci aspetta se non cambiamo marcia ora.