Ringrazio l’opposizione, in particolare il consigliere Aurigemma, per aver chiesto la convocazione del Consiglio regionale straordinario di oggi sulla sanità. È stata l’occasione per raccontare un percorso che ha portato al risanamento finanziario di un settore fino a pochi anni fa in grandissimo disavanzo. Come certificato dal Ministero dell’Economia a fine marzo c’era un saldo positivo del margine operativo.

È stata anche l’opportunità per rivendicare all’azione di tutte le forze politiche questo risultato. Se i conti sono a posto, se la Regione non produce deficit è merito di un’azione della politica, dei diversi livelli amministrativi coinvolti, delle categorie interessate.

È stata inoltre l’occasione per ricordare che tutto è avvenuto mantenendo la qualità dei servizi sanitari, anzi aumentandoli, come testimoniano i dati sui livelli di assistenza, mentre comincia a diminuire il carico fiscale con l’abolizione del ticket sanitario regionale.

E’ una svolta per il sistema sanitario e uno dei risultati più significativi di questi anni di governo. Una svolta che non significa che il lavoro è finito, ma che ci deve dare forza e stimolo per affrontare le sfide che ci sono davanti, a partire dall’abbattimento delle liste di attesa.

È comunque un risultato importante e ne dobbiamo essere tutti soddisfatti. E ognuno nel suo campo far capire ai cittadini della nostra Regione che una politica seria può cambiare le cose. Anche le più difficili e apparentemente immutabili.