Anno del patrimonio culturale, un’opportunità da cogliere

I numeri resi noti dal Mibact sugli ingressi nei musei e nelle aree archeologiche del primo semestre 2017 sono un’ottima notizia. Il record di visitatori nei primi 6 mesi dell’anno è anche il risultato della maggiore autonomia gestionale dei musei statali e dell’apertura a manager stranieri qualificati. Si tratta, una volta di più, dell’importanza di innovare nel campo della cultura. Il Lazio è la regione al top in Italia in questa classifica: gli oltre 10 milioni di visitatori e gli incassi per 36 milioni di euro ci dicono che la strada è quella giusta. Bisogna continuare a percorrerla, usando le nuove tecnologie per migliorare l’esperienza museale, aumentarme gli spettatori, rafforzarne la capacità di fare economia – oltre che cultura. In tutta Europa i musei sono le istituzioni che hanno maggiore credibilità: per questo vanno rafforzati e ne va potenziato il ruolo di ‘costruttori’ di comunità. La Regione Lazio si è mossa in questa direzione annunciando investimenti per oltre 40 milioni di euro attraverso il Distretto Tecnologico per i Beni e le Attività Culturali. E un’occasione da non perdere è il fatto che il 2018 sarà anno europeo del patrimonio culturale. Ho depositato una mozione in Consiglio regionale per accendere i riflettori su questa opportunità. Mi auguro che sia stimolo per progettare iniziative e manifestazioni e dare ancora maggior impulso alla valorizzazione, anche economica, del nostro patrimonio culturale, unico al mondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...