Domenica 3 marzo è stata una giornata speciale, piena di volti, storie e partecipazione.

Ho attraversato il mio collegio in bicicletta, andando a salutare i volontari che hanno reso tutto questo possibile.

16 tappe per più di 30 km , sono sicuro che da tutto questo verranno cose belle: per il PD, per l’Italia, per tutti quelli che credono che, con tutti i litigi e il resto, questa sia stata, sia e sarà, una comunità forte, libera e piena di energia per il domani italiano.

 

Ne esco con la schiena indolenzita ma con tanti ricordi e spunti. Iniziamo.

Qui sono Piazza del Popolo, ho appena votato e sono con Alessandro, Marina e Umigo.

La seconda tappa è Piazza Mazzini. Già moltissime persone in fila dalle prime ore del mattino.

Con Antonio al gazebo dei giovani democratici di Viale Giulio Cesare (Ottaviano).

Con Giovanni e Anna al seggio di Via Pietro Giannone, gente, fila e simpatia!

Qui la simpatia di Fabrizio che ha ospitato nel suo bar di Viale Medaglie d’oro il seggio.

Qui con Valter e la sua fiducia al seggio di Via Pompeo Trogo: “altro che persone virtuali, qui ci sono le persone in carne ed ossa.

Ed anche al Largo Millesimo e Largo Arturo Donaggio la giornata prosegue tra le tantissime persone in coda nei gazebo.

Si vota anche a Via Giuseppe Mezzofanti, tra i murales di Primavalle.

Ad un certo punto mi ritrovo in  Via Fani poco prima di riprendere la Camilluccia e, nel silenzio e nel vuoto del pomeriggio domenicale, mi fermo a salutare il memoriale per la scorta di Aldo Moro.

A  Ponte Milvio, una sezione piena di ricordi, dopo la ‘pausa pranzo’ ricomincia l’affluenza.

Ed anche in Via di Vigna Stelluti il gazebo è pieno e allegro. E si sono dovute ristampare le schede.

A Via Cassia 756 un bellissimo incontro con Annamaria e Aurelio: “Dovete fare qualcosa, la nostra democrazia ne ha bisogno. Oggi più che mai”.

Al gazebo di Piazza Monteleone di Spoleto, foto di gruppo con Emanuela e la sua famiglia: tre generazioni al voto!

Questa mia avventura elettorale è cominciata nella sezione del Partito Democratico di Via di Poggio Bustone. E già mi sono affezionato a questo spazio piccolo, autorevole e carico di storia. Grazie a Matteo e a Giuliano, iscritto qui da 50 anni.

Le ombre si allungano e tra poco sta finendo questa giornata. Ma c’è tempo per un ultimo passaggio a Largo Sperlonga. Ed anche qui il gazebo è pieno.

È stata una bellissima giornata, piena di volti, incontri, entusiasmo. Non ho visitato tutte le sezioni del ‘collegio’, ma, sapete, le gambe non sono quelle di un tempo! Grazie a tutti i volontari per il lavoro e la gentilezza con cui lo hanno fatto.

Poi in tarda serata arriva l’annuncio. Nicola Zingaretti è il nuovo segretario del Partito Democratico.

Da domani si comincia, con entusiasmo e responsabilità, una sfida ancora più grande.