Ventotene e un’idea di Europa basata sull’integrazione

Ieri la sentenza della Corte di giustizia sul ricollocamento dei migranti, che ribadisce la solidarietà tra Stati Membri in tema di accoglienza. Qualche giorno fa l’iniziativa del sindaco di Ventotene, Gerardo Santomauro, ad accogliere famiglie di migranti sull’isola pontina (appello ribadito quest’oggi a Roma dalla delegata Maria Ausilia Mancini) e che parla di un atteggiamento aperto di questa comunità al tema dell’immigrazione. Dalla più alta autorità della giustizia europea e da questa piccola isola laziale, culla dell’europeismo, e carica di significati e storia per la vicenda comunitaria, due segnali che parlano di spirito europeo: regole, diritti, integrazione, solidarietà.

AICCRE LAZIO premia le tesi di laurea su materie europee

E’ sul sito dell’AICCRE LAZIO – federazione regionale dell’associazione europeista AICCRE – il bando per premiare 5 tesi in materie europee presentate e discusse nelle Università del Lazio tra il primo gennaio 2016 e il 31 luglio 2017. È un’iniziativa che ha l’obiettivo di far emergere le eccellenze che ci sono nelle nostre Università e far conoscere le loro pubblicazioni. Un aiuto ed un riconoscimento all’inizio della carriera professionale di questi giovani ed un modo per far circolare il ‘pensiero’ europeo. In questa prima edizione saranno assegnati 5 premi di 750 euro ciascuno. L’iniziativa comincia quest’anno ma ha l’ambizione di diventare un appuntamento fisso sostenuto dall’AICCRE Lazio, nella sua azione di sensibilizzazione sull’Europa. Nei prossimi giorni presenteremo le altre iniziative dell’Associazione: un servizio di prima assistenza informativa ai comuni nella ricerca di fondi europei, un bando per sostenere la partecipazione di dipendenti comunali ad un master in progettazione europea organizzato dall’AICCRE nazionale e concorsi che stiamo definendo per portare i creativi del territorio a far scoprire come l’Europa stia cambiando la nostra regione. È un momento chiave per l’Europa e come AICCRE Lazio siamo in prima linea perchè il cambiamento veda la nostra regione protagonista.

L’intervista a Radio Cusano Campus

 

Anno del patrimonio culturale, un’opportunità da cogliere

I numeri resi noti dal Mibact sugli ingressi nei musei e nelle aree archeologiche del primo semestre 2017 sono un’ottima notizia. Il record di visitatori nei primi 6 mesi dell’anno è anche il risultato della maggiore autonomia gestionale dei musei statali e dell’apertura a manager stranieri qualificati. Si tratta, una volta di più, dell’importanza di innovare nel campo della cultura. Il Lazio è la regione al top in Italia in questa classifica: gli oltre 10 milioni di visitatori e gli incassi per 36 milioni di euro ci dicono che la strada è quella giusta. Bisogna continuare a percorrerla, usando le nuove tecnologie per migliorare l’esperienza museale, aumentarme gli spettatori, rafforzarne la capacità di fare economia – oltre che cultura. In tutta Europa i musei sono le istituzioni che hanno maggiore credibilità: per questo vanno rafforzati e ne va potenziato il ruolo di ‘costruttori’ di comunità. La Regione Lazio si è mossa in questa direzione annunciando investimenti per oltre 40 milioni di euro attraverso il Distretto Tecnologico per i Beni e le Attività Culturali. E un’occasione da non perdere è il fatto che il 2018 sarà anno europeo del patrimonio culturale. Ho depositato una mozione in Consiglio regionale per accendere i riflettori su questa opportunità. Mi auguro che sia stimolo per progettare iniziative e manifestazioni e dare ancora maggior impulso alla valorizzazione, anche economica, del nostro patrimonio culturale, unico al mondo.

Dai ragazzi di Ventotene una lezione di futuro

Ventotene torna ad essere fonte d’ispirazione per l’Europa unita. Dal Festival che si è concluso ieri sull’isola pontina, dopo 4 giorni di incontri e dibattiti, è arrivato un vento di speranza e di futuro. Trenta studenti liceali di tre paesi fondatori dell’Europa – Italia, Francia e Germania – hanno lavorato ad una Dichiarazione di rilancio dei Trattati, a 60 anni dalla loro stesura. Un testo attento ai valori di solidarietà e pluralismo e con idee e stimoli per radicarli nei giovani europei. Il documento è stato consegnato alla Presidente della Camera Laura Boldrini che ha proposto di trasmetterlo ai Presidenti delle assemblee legislative di Francia e Germania. Penso sia essenziale, oggi più che mai, ricostruire lo spirito europeo a partire dai giovani. Per questo Aiccre Lazio ha partecipato e sostenuto il Ventotene Europa Festival, nella convinzione che ci sia bisogno di idee e di iniziative come questa per ricostruire un’anima europea.

L’Europa festeggia e guarda avanti

Il successo di Macron in Francia è il miglior segnale che una fase nuova si è aperta nella vicenda europea. Affermare la scelta europea come scelta fondante, denunciare l’irrilevanza dei Paesi europei senza Europa, rivendicare l’unicità della storia politica europea e la sua centralità nel mondo globalizzato. Tutto questo oggi è di nuovo vincente. Ed è il miglior modo per festeggiare la festa dell’Europa, oggi 9 Maggio. Non solo. Deve spingere ognuno di noi a lavorare, ciascuno nel suo ambito, per far capire le opportunità europee. A partire dal livello regionale, responsabile di tante politiche europee e livello di governo capace di far sentire ai cittadini la vicinanza delle istituzioni. Un passaggio tanto più importante per il Lazio, regione in cui l’Europa è nata: come ideale politico e come progetto istituzionale.