Su dice che il futuro è nelle regioni metropolitane ‘connesse’: capaci di dare risposte immediate e di imparare dalle migliori esperienze. E vede un’Europa dinamica, in cui ‘si cresce separati per stare insieme’.